Papa Francesco apre la Porta santa

Roma ed il Giubileo

Dall’8 dicembre al 20 novembre 2016, Roma offrirà al mondo l’immagine di sè che il vento della storia contribuisce a rendere affascinante agli occhi di chi, per la prima volta, percorre le sue strade.

Da Bonifacio VIII, nel lontano 1300, a Giovanni Paolo II, attraverso celebrazioni più o meno partecipate dell’Anno Santo, innumerevoli vicende hanno lastricato il percorso della Città Eterna verso una modernità che è tale solo perchè originata da un passato pregno di significati. Oggi Roma è quello che papi come Niccolo V, Sisto IV, Giulio II ed Urbano VII hanno voluto diventasse architettonicamente ed urbanisticamente, città che accoglie, da sempre, in un abbraccio che non delude.

I segni della storia sono ovunque, nelle strette viuzze dell’antica Suburra, tra le rovine del Palatino, nella vastità delle piazze basilicali, nella calda penombra delle chiese barocche, tra stucchi dorati e statue che sembrano interrogare il visitatore per indagare il suo stato d’animo.

Quale altra città al mondo può vantare una simile attrattiva? Perchè, da secoli si percorrono distanze, a volte enormi, per raggiungere Roma e poter godere dello sbalordimento che essa provoca? Perchè Roma ha in sè la sintesi perfetta del progresso civile, culturale, spirituale che l’uomo ha raggiunto nei secoli.

Papa Francesco ha aperto la Porta Santa in San Pietro per questo Giubileo straordinario ed ha riconfermato la funzione di Roma come fulcro della cristianità nel mondo, come centro di misericordia che può offrire all’umanità intera l’esempio del giusto sguardo verso i più deboli, in una millenaria visione di universale bellezza.

Dearoma è pronta ad accogliere amici da tutto il mondo, per non perdere l’occasione di esplorare la Città Eterna a piedi, in Bici, in Vespa o in Calessino, durante quest’anno sicuramente speciale.

Bonifacio VIII indice il primo Giubileo

Bonifacio VIII indice il primo Giubileo

Pellegrini a Roma nel 1300

Pellegrini a Roma nel 1300

Medaglia commemorativa del Giubileo del 1650 di Innocenzo X Pamphilj

Medaglia commemorativa del Giubileo del 1650 di Innocenzo X Pamphilj

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>